• Museo dei tasso
  • Museo dei tasso
  • Museo dei tasso
  • Museo dei tasso
  • Museo dei tasso
  • Museo dei tasso
  • Museo dei tasso
  • Museo dei tasso
  • Museo dei tasso

Museo dei Tasso e della Storia Postale - Ipotesi di lavoro 2011-2017

11 dicembre 2010: stato di avanzamento e programma 2011

Nell’ambito della manifestazione organizzata sabato 11.12.2010 dall’Associazione per lo Studio della Storia Postale di Padova e relativa al 16° Convegno A.S.S.P., si sono riuniti, presso i locali del Museo dei Tasso e della Storia Postale di Camerata Cornello, i Signori Bianchi Corrado, Bonzi Italo Bonfiglio, Bottani Tarcisio, Burzatta Giorgio, Castellini Oscar, Cattani Adriano, Giudici Francesca, Fabrizio Giovanna, Fabrizio Paolo, Lazzarini Gianfranco, Milesi Luigi, Ploumidis Georges, Righetti Mazza Giannarosa, Salata Ugo, Tauro Roberto, Taufer Wanda, Vollmeier Paolo. Il Sindaco di Camerata Cornello, Lazzarini Gianfranco, ha tenuto una relazione sullo stato di avanzamento dell’ipotesi di lavoro, per il periodo 2011-2017, già presentata per sommi capi il giorno 11 luglio scorso a San Pellegrino Terme.

Scorcio arrivo dei convegnisti
Scorcio arrivo dei convegnisti
da sx: dott. Paolo Fabrizio (Conservatore), dott. Adriano Cattani (Direttore), Gianfranco Lazzarini (Sindaco) e prof. Tarcisio Bottani (Responsabile dei servizi culturali)
da sx: dott. Paolo Fabrizio (Conservatore), dott. Adriano Cattani (Direttore), Gianfranco Lazzarini (Sindaco) e prof. Tarcisio Bottani (Responsabile dei servizi culturali)

I contatti attivati con alcuni Docenti universitari e Storici postali hanno suggerito di aprire le manifestazioni, di dimensione europea, nell’anno 2012, con un Convegno internazionale da tenersi a Camerata Cornello, possibilmente nel borgo di Cornello tra i mesi di maggio e giugno. Tale occasione potrebbe coincidere con l’apertura del nuovo ufficio postale, che il Comune e Poste Italiane stanno progettando di costruire ex novo in località Orbrembo, a poca distanza dall' attuale edificio piuttosto obsoleto. Il nuovo ufficio potrebbe ospitare anche lo “sportello filatelico” della Valle Brembana, analogamente ad altri casi già esistenti in altre valli, con la vendita dei francobolli per collezionismo e di altri prodotti filatelici. Questo darebbe grande risalto al Cornello ed al Museo, perchè i collezionisti accederebbero al Museo stesso, aumentando il numero dei visitatori, e perchè la corrispondenza da Camerata Cornello avrebbe impresso uno speciale annullo figurato, come tutti gli altri sportelli filatelici d'Italia. Il Museo ne guadagnerebbe in visibilità e rinomanza. Altra iniziativa possibile, indicata dal Sindaco, in occasione dell’apertura delle manifestazioni, potrebbe essere un'emissione di un intero postale, oltre ad altre proposte suggerite auspicabilmente anche dai presenti, da sottoporre poi al vaglio di Poste Italiane. Naturalmente per ottenere questi importanti risultati è necessario che tutti, in particolar modo anche l'Associazione per lo Studio della Storia Postale, che ha deciso di tenere a Camerata Cornello il suo Convegno, intervengano presso le autorità competenti per favorire il prosieguo dei necessari iter. Nel corso dell’anno 2011 si dovrà dare inizio ad un programma di ricerca dei documenti tassiani negli Archivi italiani ed europei. Le aree di lavoro sono la Spagna (Simancas ed altre), il Belgio (Bruxelles), la Germania (Fussen e Regensburg), la Francia (Lille e Besançon), l’Austria e l’Italia. Relativamente ai personaggi tassiani dobbiamo esplorare i documenti che riguardano i quattro fratelli, iniziatori del Servizio Postale, deceduti 500 anni fa: Leonardo, morto a Roma nel 1518, Francesco, morto a Bruxelles nel 1517, Jannetto, morto a Pisino nel 1517 e Ruggero, morto a Romacolo di Zogno nel 1514. Possiamo partire dai loro testamenti. Altrettanto necessarie saranno le ricerche sui quattro fratelli (Maffeo-Gianbattista-Simone-David) che hanno sviluppato all’inizio del 1500 gli accordi precedentemente stipulati con gli Asburgo. Di particolare importanza è David, figlio di Ruggero, Mastro di Posta Imperiale a Venezia con la sua linea di successione composta da Ruggero, Ferdinando e Ottavio. Altrettanto necessario è indagare su Giambattista, fratello di Davide, che da Bruxelles coordina le Poste Tassiane, nonché suo figlio Leonardo morto nel 1612. Ulteriori approfondimenti saranno da sviluppare anche sui figli di Simone, gestore degli Uffici a Milano e Roma e su Maffeo Tasso in Spagna. Altri personaggi importanti sono Innocenzo Tasso, Mastro di Posta a Fussen (in sposo alla sorella di Davide) e suo figlio Giambattista, colonnello nell’esercito di Carlo V, morto nel 1588 nell’assedio di Bonn. E ancora sui Tasso del Bretto, Giambattista e Maffeo, padre e figlio, corrieri nella Compagnia Veneta; oppure Giangiacomo Tasso, fondatore della Confraternita dei Bergamaschi a Roma, oppure Luigi Tasso, Vescovo morto assassinato a Redona nel 1520. Occorre cominciare a muoversi subito nell'individuazione di Docenti e Ricercatori motivati che possano effettuare dette ricerche per conto del Museo, ma in particolare due azioni sono già possibili: presso l'Archivio di Stato di Milano, dove i fondi sono già conosciuti ed in parte esplorati, e presso l'Archivio di Stato di Venezia, molto ricco di documentazione postale e tassiana.

 

Scorcio convegnisti
Scorcio convegnisti

Di particolare importanza saranno le ricerche negli Archivi italiani (Bergamo, Mantova, Roma, Napoli, Sicilia, oltre che Milano, Venezia e altre località che certamente gli Storici suggeriranno). E' già stata contattata la prof.ssa Cinzia Cremonini dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, che ha assicurato tutta la collaborazione possibile, e che ci fornirà i nominativi di possibili ricercatori in Spagna e in Germania, da Lei conosciuti, che potrebbero rendersi disponibili per le ricerche in quegli archivi. Anche il prof. Foppolo Bonaventura, ex Dirigente Scolastico dell’Istituto Superiore Turoldo di Zogno, che sembra essere già in possesso di ricca documentazione riguardo la presenza dei Tasso nella Compagnia dei Corrieri Veneti, ha dato la sua disponibilità per essere coinvolto nel nostro progetto. Di particolare spessore è la collaborazione con il dott. Clemente Fedele per i suoi preziosi suggerimenti diretti all’organizzazione del Convegno Internazionale, alla reperibilità dei Docenti ricercatori, ai rapporti con Poste Italiane e ai contenuti del progetto in generale. Si potrebbe anche pensare di programmare per il 2011 una nuova Mostra da esporre nella “Sala Mercatorum”, in sostituzione di quella attualmente esposta ormai da oltre due anni. Ampio spazio, nell'organizzare tali iniziative, si dovrà dare all'aspetto turistico, al fine di rendere visibile e meglio accessibile all'esterno il territorio bergamasco. Si prevede il gemellaggio tra Cornello, patria del casato dei Tasso e Sorrento, patria di Torquato. Obiettivo 2017 dovrà essere l’emissione di un francobollo nazionale ed europeo (emissione congiunta a più stati). Dal 2012 al 2017, a seguito di ricerche, traduzioni e trascrizioni, potrebbero essere promosse una serie di monografie, convegni ed altro. Uno speciale accordo è stato firmato tra il Comune di Camerata Cornello e l'organizzazione di Milano Expo 2015: sono stati approvati 28 progetti nell'ambito dell'Expo, ma forse non tutti saranno realizzati a causa dell'intervenuta crisi economica. L’idea è quella di inserire una nostra iniziativa all’interno degli spazi milanesi. Per far tutto questo, naturalmente, è necessaria una sicura base economica. Sarà necessario un fondo iniziale per poter cominciare subito l'attivazione del progetto, particolarmente per le ricerche documentali.

da sx: dott. Adriano Cattani (Direttore) e Gianfranco Lazzarini (Sindaco)
da sx: dott. Adriano Cattani (Direttore) e Gianfranco Lazzarini (Sindaco)

Dopo una breve discussione, durante la quale i presenti hanno manifestato apprezzamento per il lavoro finora svolto dal Sindaco Lazzarini, Cattani è intervenuto per proporre che ora si discuta tutti assieme della fase esecutiva delle proposte sul tappeto. Riguardo il nuovo ufficio filatelico e le iniziative correlate ad esso, si evidenzia l'importanza della presenza di un ufficio filatelico aperto in Camerata Cornello a tutta la cittadinanza della Val Brembana, quindi si tratta di un’iniziativa da portar avanti con ogni sforzo. Fabrizio, a nome dell'Associazione per lo Studio della Storia Postale, assicura la massima collaborazione dell'associazione stessa: saranno interessati i componenti della Consulta Nazionale Filatelica, associati o con i quali esistono ottimi rapporti di collaborazione, e la Direzione Nazionale di Poste Italiane. Riguardo il Convegno Internazionale sulle Poste, gli interventi hanno suggerito di fissare fin da ora un’ipotetica sede adatta allo scopo ed una data pur se approssimativa: viene proposto come sede il Casinò di San Pellegrino Terme, considerato l'ottima possibilità di accoglienza logistica già presente nella città, per una data compresa tra il maggio ed il giugno 2012. Contemporaneamente si dovrà operare per l'individuazione dei conferenzieri e degli invitati al Convegno.

Riguardo all'opera di ricerca della documentazione tassiana, è sicuramente opportuno cominciare sin da ora con gli Archivi che già ci sono accessibili: quello di Milano, nel quale può già operare il nostro abile collaboratore Marco Gerosa, che ha già effettuato alcune ricerche in quell'Archivio, e quello di Venezia, nel quale opera importanti ricerche archivistiche il prof. Georges Ploumidis per conto dell'Università di Joannina, Grecia. Naturalmente per entrambi dovrà essere garantito il necessario rimborso spese, quindi occorrerà da subito la relativa copertura finanziaria, che potrebbe essere garantita dal Comune di Camerata Cornello e dall' Associazione Amici del Museo dei Tasso e della Storia Postale. Riguardo alla Mostra, che potrà essere inaugurata in primavera, occorre individuare il tema: questo potrà essere desunto dallo stralcio dell' idea espressa da Castellini, ed una proposta verrà espressa al più presto dall' Associazione per lo Studio della Storia Postale. Viene quindi proiettato un DVD promosso dal prof. Mons. Rota, con la regia di Pupi Avati, sulla figura di Torquato Tasso, una copia del quale è stata donata al Museo. Si evidenzia il risalto dato al borgo del Cornello ed al Museo, e viene espresso vivo apprezzamento dai presenti.

Cornello dei Tasso, 11 dicembre 2010 - Il Direttore del Museo Adriano Cattani