• La Chiesa
  • Affreschi del registro inferiore del presbiterio
  • Affreschi della volta del presbiterio
  • particolare affresco crocefissione

La chiesa di San Ludovico di Tolosa

La chiesa di San Ludovico di Tolosa, si trova nel borgo di Bretto nel comune di Camerata Cornello e la sua storia è legata a uno dei rami della famiglia Tasso: I Tasso del Bretto.

A partire dal 2007 la Chiesa ha subito notevoli interventi di restauro in cui, oltre alla messa in sicurezza dell’edificio, sono stati riportati alla luce tre cicli di affreschi di epoche diverse.

È difficile ricostruire le circostanze relative all’erezione dell’edificio, non è possibile escludere che già dalla metà del Trecento esistesse una piccola cappella fatta erigere dalle famiglie della zona, anche se la prima data certa è quella del 1504, ovvero quella che compare scritta più volte in calce agli affreschi del presbiterio.

Tra la fine del Quattrocento e l’inizio del Cinquecento la chiesa fu ampliata e decorata per volere di alcuni esponenti della famiglia Tasso che, non solo avevano lo juspatronato della chiesa, ma la consideravano come una proprietà di famiglia. Il primo ciclo di affreschi risale al 23 agosto del 1504 e fu fatto eseguire dai figli di un certo Gurarisco Tasso, un esponente del ramo del Bretto della famiglia, per onorare il lascito testamentario del padre defunto.

Gli affreschi esprimono la memoria di devozioni particolari, come sostituiti di un’orazione perenne del committente ai suoi santi protettori e richiamano una verità di fede. In questo caso è il sacrificio di cristo, visto come evento centrale della storia, che è testimoniato dal trono di grazia e dalla crocefissione raffigurati sulla parete absidale, nonché dal Cristo apocalittico che si proclama “luce del mondo” e dall’agnello mistico, raffigurati nella volta del presbiterio.

Gli affreschi del Cinquecento furono affidati a una bottega di Averara, un comune dell’Alta Valle Brembana che all’epoca ospitava diversi artisti, tra cui i Baschenis (la famiglia che darà i natali a Evaristo Baschenis), gli Scanardi, i Boselli e gli Scipioni. Il repertorio figurativo, per lo più rappresentato da una continua ripetizione dei Santi e della Madonna con il bambino, e la difficoltà del pittore nel riprodurre la terza dimensione, testimoniano l’arretratezza artistica in cui si trovava la Valle Brembana all’inizio del XVI secolo, rispetto alla Serenissima della quale era un dominio.
Il ritardo fu dovuto principalmente alle lotte di fazione del Trecento che portarono la Valle alla distruzione e alla rovina, nonché al provincialismo e all’estrema povertà in cui versavano i paesi prima della conquista veneziana (1428). Questi fattori impedirono l’affermarsi di una vita artistica e culturale duratura che si riflesse, così, nella difficoltà di superare i limiti rappresentativi e i modi espressivi conosciuti.

Oltre al ciclo di affreschi devozionali voluti da Guarisco, la chiesa presenta un’altra serie di dipinti, fatti eseguire nella seconda metà del Seicento da altri esponenti della famiglia Tasso del Bretto, che raffigurano, oltre al ritratto di Torquato Tasso, alcuni episodi della storia sacra. Come è noto, in un’epoca in cui carestie, pestilenze e violenze erano costantemente in agguato, il popolo si accostava alla pittura come alla Bibbia e le pareti delle chiese erano usate per raccontare e spiegare, attraverso le figure, gli episodi della vita dei santi o di Cristo.

All’esterno della chiesa sono visibili gli stemmi tassiani, caratterizzati dal tasso, dal corno, dall’aquila e dalla torre, che richiama il casato tedesco dei Thurn und Taxis, a testimonianza della consapevolezza dei blasoni raggiunti dal ramo tedesco della famiglia.

 

Per approfondimenti sugli affreschi della chiesa di San Ludovico di Tolosa si veda il volume a cura di Tarcisio Bottani, Walter Milesi, Storia di un restauro. La chiesa di San Ludovico al Bretto, Parrocchia di Camerata Cornello, Bergamo, Corponove, 2009. Il volume è in vendita in Museo.

Per vedere altre immagini della chiesa di San Ludovico di Tolosa e di Bretto visita la nostra pagina Flickr

La chiesa di San Ludovico di Tolosa